Home / Articoli PNL / Apprendimento Rapido / Vuoi migliorare il tuo apprendimento? Scopri il metodo in 9 passi

Vuoi migliorare il tuo apprendimento? Scopri il metodo in 9 passi

Non ci sono scuse, non ci sono scorciatoie; oggi il mondo va così veloce che se pure sei un operaio saprai bene che da qui a cinque anni gran parte del tuo modo di lavorare sarà innovato, e se non hai appreso le nuove conoscenze… semplicemente sarai finito!

Molto spesso si ritiene che la capacità di apprendere sia ad uso e consumo degli studenti del liceo o degli universitari: niente di più sbagliato. L’apprendimento è il motore fondamentale di ogni evoluzione; è una delle forze più potenti che ci impedisce di restare intrappolati nella staticità.

Se non ci credi, allora puoi anche smettere di leggere. Ma se condividi il mio pensiero, allora ti consiglio di continuare a leggere perché voglio proporti un metodo in nove passi che ti aiuterà a rendere il tuo studio molto più rapido ed efficace.

  1. Inizia scorrendo il testo

Il neuro scienziato Bill Klemm in più occasioni ha sottolineato l’importanza di leggere per sommi capi come strategia fondamentale per conservare le informazioni. Non si tratta di saltare l’intero processo di lettura, ma di scorrere il testo per avere i soggetti e le parole chiave di prima mano e sapere cosa ti aspetta quando scaverai davvero nel material e da studiare. Avere famigliarità con le tematiche generali, dice Klemm, aiuta a  ricordare i particolari.

  1. Segna delle note sulla pagina

Non si dovrebbe mai leggere un libro di studio senza una matita. È fondamentale sottolineare  le frasi che ti sembrano confuse, interessanti o importanti. Traccia linee di fianco ai paragrafi importanti. Disegna diagrammi per vedere la struttura delle idee principali. Fai in modo che il libro che stai studiando diventi anche un po’ tuo.

  1. Interrogati su ciò che stai leggendo

Lo studio non deve essere un attività passiva. Anzi, quanto più lo si rende attivo più si velocizzano i tempi di apprendimento. Proprio per questo, prima e dopo aver letto un capitolo, poniti queste domande:

– A che mi serve?

– In che modo mi sarà utile?

– In che modo si collega a ciò che già conosco?

  1. Imprimi nella memoria, associa e ripeti

Forse non sai che la memoria è un processo formato da ben tre ramificazioni e le devi percorrere tutte e tre se vuoi un risultato duraturo e veloce. La prima riguarda l’imprimere nella memoria. Puoi migliorare la forza dell’impressione che il testo ha su di te immaginando la situazione o immaginandoti mentre partecipi agli eventi descritti.

La seconda, invece, è l’associazione, o il collegare il materiale a qualcosa che già conosci. Ad esempio, forse il nome del protagonista assomiglia a quello di un tuo amico.

La terza, infine, è la ripetizione. Più leggi il materiale, più forte sarà la tua memoria. Se non vuoi rileggere l’intero libro, cerca di evidenziare alcune parti del testo sulle quali tornare in seguito.

  1. Racconta agli altri ciò che hai studiato

In un TED Talk, lo psicologo ed educatore Peter Doolitle dice che se vuoi ricordare ciò di cui fai esperienza, è importante fare qualcosa con quell’informazione. Proprio per questo una buona idea può essere quella di parlare di ciò che leggi a qualcuno.  Inoltre, nel caso tu stessi studiando per un esame o un interrogazione, questo può essere un ottimo modo per esercitarsi in vista del momento in cui dovrai esporre il tutto al professore. Inoltre, nel momento in cui scopri che non riesci a spiegarlo ad altre persone hai a tua disposizione un feedback che ti dice chiaramente che devi quantomeno tornare a leggere dell’argomento.

  1. Leggi ad alta voce

Lo psicologo Art Markman dice che leggere ad alta voce può essere estremamente utile  quando ci sono alcune cose fondamentali che devi ricordare. Ecco perché le frasi che pronunci (o sussurri) ad alta voce assumono unicità. Ti ricordi di produrre e di sentire gli oggetti e così la tua memoria per loro è diversa dalla memoria delle parole che leggi solo nella tua mente.

  1. Studia sui libri cartacei

Gli e-book sono oggetti comodi quando vuoi portare in vacanza tonnellate di libri e per scaricare storie in un istante. Ma ci sono un bel po’ di ricerche che hanno ormai stabilito che potrebbero anche indebolire la tua memoria. Infatti, uno studio ha scoperto che, quando le persone leggono lo stesso racconto su un libro o su un Kindle, i lettori del libro riuscivano a ricordare meglio la cronologia della storia. L’autrice principale dello studio, la dottoressa Anne Mangen, ha detto al Guardian che probabilmente lo spessore delle pagine in mano crea un “senso tattile di progresso” che non si ottiene dal Kindle (chiaramente, le persone più abituate alla lettura online potrebbero non avere questo problema). Contemporaneamente, un’altra ricerca della dottoressa Mangen ha scoperto che gli studenti liceali hanno una migliore comprensione di un testo quando lo leggono su carta invece che sullo schermo di un computer.

  1. Apprendi in modo non uniforme

Il professore di scienze informatiche Ben Y.Zhao mette in guardia dalla perdita di tempo a cui conduce il voler imparare assolutamente tutto quello che c’è sulla pagina. Invece, scrive, si dovrebbe apprendere in maniera discontinua: “Non si deve cercare di memorizzare tutto allo stesso modo. Bisogna invece concentrarsi sui concetti chiave che sono alla base degli altri. Se concentrate il vostro tempo sull’imparare la parte o il concetto più importante, allora potreste essere capaci di ricordare le altre parti per associazione o derivazione logica”.

  1. Usa il ‘metodo Cornell’

Secondo Say Keng Lee, la tecnica delle note di Cornell è “un sistema di gran lunga migliore rispetto alla convenzionale sottolineatura”. Il sistema si divide in cinque parti, descritte sul sito web della Cornell University:

Registra: ovvero prendi nota di ciò che stai leggendo;

Domanda: fatti venire in mente delle domande sull’argomento e scrivile sulle tue note;

– Recita: ovvero prova a rispondere alle domande che hai formulato;

– Rifletti: dedica del tempo a pensare al materiale studiato;

– Riesamina: passa almeno dieci minuti alla settimana a riesaminare le tue note.

Che cosa farai con le informazioni appena lette?

Le lascerai cadere nel dimenticatoio, così come probabilmente hai fatto con altri articoli, oppure le applicherai?

La scelta è solo tua e dipendono solo da te i risultati che raggiungerai.

Proprio per questo, se sei una di quelle persone che applica ed è sempre in cerca di metodi nuovi per essere efficace e rapido in ciò che fa, ti consiglio di cliccare qui, perché ti rivelerò il metodo che ti permette di mettere il turbo al tuo apprendimento e in modo facile.

Cosa aspetti?

Su di me Roberto Castaldo

Roberto Castaldo
Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *