Home / Articoli PNL / Vuoi leggere un libro per imparare ad ipnotizzare?

Vuoi leggere un libro per imparare ad ipnotizzare?

Oggi voglio trattare con te di un argomento che ho già affrontato in qualche altro articolo, anche se non in modo approfondito come avrei voluto: l’ipnosi.

Lo so, per molti è un argomento che crea un certo timore, ma se questo accade è perché spesso la percezione che si ha di questa disciplina meravigliosa è legata all’immaginario dell’ipnotista da spettacolo che costringe il pubblico a fare cose a dir poco ridicole.

Ma l’ipnosi non è nulla di tutto questo!

Quando, infatti, Richard Bandler e John Grinder crearono la Programmazione Neuro-Linguistica, una delle prime persone che modellarono fu proprio Milton Erickson, il padre dell’Ipnosi moderna.

Da allora sono passati molti anni e questa disciplina è diventata una sorta di arma segreta usata da molti professionisti: ad esempio avvocati, imprenditori, venditori, oltre che i più prevedibili psicologi e psicoterapeuti.

Ma cosa è di preciso l’ipnosi e, soprattutto, come funziona?

L’ipnosi è, più semplicemente, un fenomeno psicosomatico che coinvolge sia la dimensione fisica, che psicologica del soggetto. E’ una condizione particolare di funzionamento dell’individuo che gli consente di influire sul proprio stato fisico, psichico e di comportamento.

Attraverso l’ipnosi, o l’autoipnosi, è possibile accedere alla dimensione inconscia ed emotiva del soggetto. In termini scientifici, di solito, si tende a restringere il campo di definizione dell’ipnosi alla gestione consapevole di tale processo.

Questo ce lo spiega in modo estremamente efficace Umberto De Marco nel suo interessantissimo manuale. Corso avanzato di Ipnosi (quello che gli ipnotisti di professione non vogliono che tu sappia), infatti, è una perla rara nel mare dei libri che pretendono di spiegare come funziona praticamente l’ipnosi. Già nell’introduzione l’autore mette in chiaro che nel libro è quasi completamente assente la teoria e descrive il suo manuale come un libro di giardinaggio, e così facendo spiega l’intero processo ipnotico dal punto di vista del “cosa si deve fare”.

Un approccio del genere è estremamente diffuso tra le pubblicazioni americane (quasi sempre chiare e pratiche) ma in Italia era a dir poco carente.

Il processo ipnotico qui viene frammentato e per ogni pezzo vengono proposte varie strategie e il meccanismo con cui adattare quelle strategie ai vari contesti individuali. Ogni capitolo fornisce una serie di script molto flessibili e adattabili. Questa cosa l’ho trovata estremamente interessante. Molto spesso, quando si scrive di ipnosi, il “come dare le suggestioni” è sempre trattato in modo generico. Attraverso gli script, invece, è possibile avere una guida per iniziare, e soprattutto uno schema pratico per capire come creare successivamente i propri.

Infine, un elemento molto interessante del manuale è il modo in cui è strutturato: esattamente come se fosse un corso.

Ho avuto modo di seguire Umberto e quello che mi ha sorpreso è stato notare come è riuscito ad adattare il metodo di insegnamento (molto veloce e pratico) che usa dal vivo al formato cartaceo.

Al punto che mi sento di consigliare questo libro in primo luogo a chi si sta avvicinando alla materia, così come a chi è rimasto intrappolato nella teoria e ha bisogno di input chiari e precisi sulla pratica. Umberto, infatti, è forse uno degli ipnologi più preparati e la prova pratica è lo splendido portale che gestisce, Ipnosi per tutti, costantemente aggiornato con notizie, video, audio, articoli e informazioni utili.

Non ti sorprendere se dopo ogni capitolo verrai preso dalla voglia di sperimentare, anzi, lasciati trasportare da questa voglia. In questo modo ti accorgerai che l’ipnosi è ben diversa da quella cosa spesso ridicola che si vede in televisione, ma è un fenomeno naturale e non ci vogliono poteri speciali per indurla, bisogna solo sapere come fare.

Proprio per questo ho chiesto ad Umberto di poter condividere su questo articolo l’anteprima del suo libro: la trovi cliccando qui. In realtà non si tratta proprio di un’anteprima, quanto dell’introduzione e del primo capitolo del libro. Ma fai attenzione: si tratta di quasi trenta pagine dense e piene di informazioni utili.

Ma perché è utile conoscere l’ipnosi?

I motivi hanno a che fare con due ordini di motivi: relazionali e personali.

Dal punto di vista relazionale, l’ipnosi non va intesa come uno strumento terapeutico, quanto uno strumento per entrare in intimità con le persone (l’ipnosi, infatti, ha vari utilizzi, quello terapeutico è solo uno in mezzo a tantissimi altri): aumenta il livello di empatia, di carisma e di fascino. In più rende chi la utilizza decisamente più persuasivo.

Dal punto di vista personale, invece, risulta essere uno strumento utilissimo per gestire lo stress, programmare i propri obiettivi, imparare a sviluppare nuovi comportamenti e nuove capacità.

Proprio per questo, se il libro non ti dovesse bastare, Umberto De Marco terrà a dicembre il suo nuovo corso di ipnosi. Contattaci per saperne di più.

Su di me Roberto Castaldo

Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *