Home / Articoli PNL / Linguaggio del corpo: conoscerlo per migliorare la persuasione

Linguaggio del corpo: conoscerlo per migliorare la persuasione

Sappiamo tutti che le prime impressioni sono importanti. Abbiamo un solo istante: dai 3 ai 10 secondi per lasciare un messaggio profondo. Funziona sempre così, per tutti! Quando incontri una persona per la prima volta, si forma un giudizio nella tua mente. Ma la stessa cosa succede alle persone che incontrano te, per la prima volta… Quindi è importantissimo fare attenzione a ciò che si comunica.

Gran parte di quello che comunichiamo non avviene attraverso le parole che scegliamo, ma attraverso il nostro corpo, la nostra espressione e la nostra voce. E’ stimato che ben il 55% dell’efficacia della comunicazione è dovuta alla Comunicazione Non Verbale. Questa include: postura, espressioni e micro espressioni. Se aggiungiamo tono/volume/ritmo della voce aggiungiamo uno strabiliante 38% di efficacia. Significa che oltre il 90% dell’efficacia nel nostro modo di comunicare è dato dal Linguaggio del Corpo e dalla Qualità della Voce.

Di conseguenza, da oggi ricorda che quando cerchi di influenzare qualcuno solo una piccola parte della sua mente è sulle tue parole. La maggior parte del Cervello sta lavorando per decifrare i sottili messaggi che il tuo corpo sta inviando. Questo è il motivo per cui è tuo interesse imparare tutto riguardo questo argomento, e diventare più consapevole possibile di questo straordinario potere nell’interazione umana.

Prova a pensare: i giudizi immediati sono parte della nostra natura psicologica. Le Neuroscienze hanno identificato il Tronco Cerebrale (chiamato “cervello rettile” o “cervello primitivo”) come l’area del sistema nervoso responsabile di questo fenomeno. Qualcuno lo chiama Istinto. Ed è ciò che condividiamo ancora con gli animali, cioè la capacità di identificare istantaneamente a che “categoria” appartiene il nostro interlocutore.

Quando vivevamo ancora allo stato tribale il nostro cervello si è evoluto per garantirci la sopravvivenza (e poi l’evoluzione) identificando immediatamente queste possibili esperienze con i nuovi incontri:

  1. Minaccia
  2. Amico o Aiuto
  3. Potenziale Partner Sessuale
  4. Indifferente – qualcosa di neutrale.

Mark Bowden, uno dei maggiori esperti dell’argomento, ha sottolineato un punto interessante in uno dei suoi discorsi pubblici: il nostro cervello primitivo è programmato, per impostazione predefinita, ad essere indifferente. Essendoci 7 miliardi di persone al mondo, ed essendo la maggior parte di noi in contatto con un gran numero di esse tutti i giorni, siamo programmati semplicemente per ignorare la maggior parte dei segnali che troviamo irrilevanti. Al giorno d’oggi è risaputo che la nostra mente ha una specie di filtro meccanico che esclude molto di ciò che succede attorno a noi, perché irrilevante ai nostri bisogni.

Cosa significa per noi? Che rilevanza ha questa informazione ai fini della persuasione? Ovviamente è più complicato persuadere qualcuno che ti è indifferente piuttosto che qualcuno che ti considera un amico.

Quando stai esprimendo un concetto importante, hai bisogno di essere sicuro che l’altra persona ti stia prestando attenzione. Ed è davvero semplice mandare il segnale di “Amicizia” attraverso il tuo linguaggio del corpo. Mentre le tue parole possono essere convincenti e basate su fatti, la persona che ti sta ascoltando può non prestarti attenzione, o può ricevere segnali confusi. Questo è il motivo per cui il Linguaggio del Corpo è la Prima Chiave!

Nel prossimo articolo ti parlerò di quelli che sono i segnali del corpo su cui devi maggiormente portare l’attenzione, ma per ora vorrei che tu iniziassi ad osservarti, a comprendere quanto il tuo corpo parla, e quanto di ciò che dice è allineato con ciò che dicono le tue parole.

In più, se vuoi diventare un vero mago della persuasione, ti consiglio di dare un’occhiata qui.

Su di me Roberto Castaldo

Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *