Home / Articoli PNL / Parlare in pubblico: 3 esercizi per superare la paura

Parlare in pubblico: 3 esercizi per superare la paura

Secondo un’indagine statistica, la paura principale dell’uomo contemporaneo è quella di parlare in pubblico.

Solo al secondo posto troviamo la paura della morte.
Da questo se ne potrebbe dedurre che in occasione di un funerale, molti preferirebbero essere nella bara piuttosto che ricordare in pubblico il defunto.
La verità è che, come tante altre fobie, anche il terrore di tenere un discorso in pubblico si attenua in modo significativo man mano che lo si fronteggia apertamente.
La complicazione principale, al riguardo, è data dal fatto che la maggior parte delle persone rifiuta in modo così veemente la prospettiva di prendere la parola davanti ad una platea, al punto tale da non riuscire a farlo mai abbastanza da poter raggiungere un accettabile livello di sicurezza.
Per di più, non esistendo un’adeguata preparazione scolastica in merito, ci si ritrova solo da adulti al primo impatto con il pubblico: la sensazione che si prova, spesso inevitabile, è quella di sentirsi nudi, esposti allo sguardo critico dei presenti.

E’ sufficiente guardarci intorno per renderci conto di come parlare in pubblico sia una fonte di stress incredibilmente diffusa. Molte persone, se ne avessero la scelta, ne farebbero a meno del tutto, ma nella vita quotidiana questo è difficile, spesso impossibile. Ognuno di noi, ad un punto della propria esistenza, avrà comunque la necessità di dover fronteggiare un pubblico, vasto o ridotto che sia, per i più disparati motivi: un incontro di lavoro, un discorso formale, una riunione di condominio, e così via.
Proprio per questo oggi ho deciso di condividere con te alcune tecniche di Programmazione Neuro-Linguistica, che ti aiuteranno a lasciarti alle spalle questo timore.

Prima di mostrartele, però, è opportuno che tu tenga ben presente tutto ciò che di negativo si manifesta quando affronti un discorso con questa paura, o addirittura eviti di farlo per non sottoporti allo stress.

Proprio per questo, mi piacerebbe che prima di continuare a leggere tu iniziassi a ripassare mentalmente tutte le occasioni in cui il parlare in pubblico ti ha frenato e a cosa, nello specifico, hai dovuto rinunciare per questo motivo.

Non è un passaggio poco importante, anzi, è fondamentale per darti la giusta motivazione. Infatti, se non sei stanco di questa situazione, se non ti è chiaro cosa perdi ogni volta che non affronti questo ostacolo, sarà estremamente complesso per te trovare la giusta motivazione.

Quindi, dando per scontato che ti prenderai tutto il tempo necessario, per fare questo, passiamo a come usare la PNL per agire, affrontare e superare questo timore.

Quello che ti mostrerò, infatti, sono tre tecniche che ti saranno estremamente d’aiuto per gestire il tuo stato emotivo, in modo tale da ritrovarti di fronte a tante persone e sentirti sereno, calmo, pronto ad affrontare il discorso nel modo più competente ed efficace possibile.

  1. Rompi la vetrata!

La prima tecnica che ti voglio mostrare ha lo scopo di eliminare la tensione che ti evoca il solo pensiero di parlare di fronte a più persone. Prima te la descriverò e poi ti spiegherò perché e come mai funziona.

  • Trova un posto comodo in cui puoi restare indisturbato per 5 minuti.
  • Chiudi gli occhi e rilassati
  • Ricorda un momento in cui ti sei sentito sicuro, o calmo, o sereno, o estremamente forte. Immagina di essere in una sala cinematografica in cui viene proiettato sullo schermo proprio quel ricordo. Osservalo con attenzione.
  • Entra all’interno dello schermo: vedi quello che vedevi allora, ascolta quello che ascoltavi allora e prova tutte le sensazioni che provavi in quel momento.
  • Concentrati sulle sensazioni: in che punto del tuo corpo si trovano? Sono statiche o in movimento? Hanno un colore, una consistenza? Fai in modo che tutti questi particolari ti siano perfettamente chiari.
  • Immagina di portare queste sensazioni fuori di te, appallottolandole. Nel farlo, usa le tue mani fisiche, che modellano queste sensazioni sino a renderle come una sfera molto compatta.
  • Visualizza di fronte a te un nuovo schermo, questa volta come se fosse una vetrata, che raffigura te mentre stai parlando in pubblico.
  • Con le tue mani fisiche lancia la sfera contro la vetrata con tutta la forza che hai, col preciso intento di romperla.

Una volta fatto questo, ci potranno essere due possibilità:

  • Vedrai la vetrata rompersi
  • La vetrata resterà intatta ma qualcosa cambierà nell’immagine.

In ogni caso sarai sorpreso da come cambieranno le sensazioni legati al parlare in pubblico.

Grazie a questa tecnica, infatti, vai ad associare sensazioni come la calma, la forza o la sicurezza, al parlare in pubblico. Per quanto possa sembrarti semplice, in questo modo vai a creare una sorta di collegamento tra quelle risorse e il parlare in pubblico. Questo va a cambiarne completamente la percezione.

Mi raccomando: fai questo esercizio almeno sette volte, magari usando più ricordi in cui ti sei sentito esattamente nello stato in cui vorresti essere quando parli in pubblico.

  1. Diventa grande come Mazinga

Questa tecnica, invece, è estremamente utile da eseguire prima di iniziare il discorso, perché ti metterà immediatamente nella condizione di sentirti più sicuro. Anche in questo caso, prima di cominciare, fai in modo di essere in un posto dove puoi rilassarti indisturbato per cinque minuti.

  • Immagina di avere di fronte a te un robot gigante, tipo Mazinga, con le tue stesse fattezze.
  • Entra all’interno del robot e immagina di diventare proprio il robot.
  • Da questo stato immagina le persone sotto di te piccole, che si muovono, compiono le loro azioni quotidiane, mentre tu sei gigante.
  • Immagina di essere circondato da centinaia di grattacieli di vetro che riflettono tutti la tua immagine.

Fai questo esercizio in piedi, stando attento a tenere le spalle larghe e la schiena dritta (infatti anche la fisiologia è una componente importante). Questo per un motivo molto semplice: non solo la mente è in grado di influenzare il corpo, ma anche il corpo (con le sue posture) ha la facoltà di influenzare i pensieri.

Anche in questo caso, andando a ripetere l’esercizio più volte ti abituerai ad essere sempre più confidente con quello stato di sicurezza. E più sentirai quello stato di sicurezza e più per te sarà naturale provarlo anche senza fare l’esercizio.

  1. Proiettati in un futuro di successo

Questa tecnica funziona molto meglio se hai già sviluppato confidenza con le due tecniche precedenti e si basa su un principio fondamentale: la mente non sa distinguere tra ciò che vive in prima persona e ciò che immagina. Questo principio è ciò che alimenta anche la paura di parlare in pubblico: infatti, quante più volte ci si immagina (che sia piacevole o spiacevole), è come se la mente creasse uno schedario in cui inserisce quell’atto immaginativo esattamente come se fosse un’esperienza reale.

Proprio per questo diventa fondamentale iniziare a visualizzare il tuo intervento in pubblico nel modo migliore possibile.

  • Come sempre, trova un posto tranquillo in cui puoi rilassarti per cinque minuti
  • Immaginati prima in una situazione tranquilla in cui ti sente completamente a tuo agio
  • Crea l’immagine te che parli in pubblico: visualizzati competente, che fai il tuo discorso in modo impeccabile, che riesci a gestire le obiezioni nel modo migliore.

Nel caso in cui l’ultimo passaggio non dovesse riuscirti facile, ricorda questo: hai il pieno controllo della tua immaginazione. Quindi, se non visualizzi le cose nel modo migliore, sforzati a farlo. Oppure pratica di più le due tecniche precedenti: ti aiuteranno a corroborare le risorse che devi usare per visualizzare al meglio il tuo intervento.

A questo punto devo farti un chiarimento fondamentale: queste tre tecniche vanno praticate insieme. È possibile che una ti piaccia più delle altre, ma allo stesso tempo devi ricordare che per lasciarti alle spalle la paura di parlare in pubblico devi praticarle insieme. Anche la ripetizione aiuta molto: quindi, non limitarti a farle solo una volta. Come hai potuto notare sono tecniche molto veloci, per ognuna delle quali sono necessari appena cinque minuti. Insomma, non è una questione di tempo, ma di attenzione e di impegno a praticarle con costanza.

A questo punto c’è una cosa che vorrei sapere da te: cosa, di preciso, ti spaventa del parlare in pubblico?

Te lo chiedo per poter scrivere in futuro articoli ulteriormente più specifici, che mi aiuteranno a darti delle soluzioni quanto più specifiche possibili. Rispondimi nei commenti.

Infine, mi piacerebbe che tu condividessi con me i tuoi risultati, spiegandomi quali sono gli effetti che hanno avuto su di te queste tre tecniche.

Mi raccomando, praticale spesso e godi al meglio i loro effetti.

Se vuoi scaricare l’articolo, in modo da averlo sempre a tua disposizione, anche quando non hai internet con te, puoi scaricare la versione pdf cliccando qui!

Scarica l’articolo

 

Se invece vuoi imparare nuove tecniche per gestire al meglio il tuo stato d’animo mentre sei davanti ad altre persone, pronte ad ascoltarti, clicca qui.

Su di me PNL Corsi

PNL Corsi
Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *