Home / Articoli PNL / Dietro ogni pessimo comportamento c’è una intenzione positiva

Dietro ogni pessimo comportamento c’è una intenzione positiva

Come ci facciamo condizionare dal nostro comportamento?

 

L’idea che ti proponiamo oggi risale alle prime scoperte della Programmazione Neuro-Linguistica. Richard Bandler e John Grinder (gli inventori della PNL) dedicarono gran parte del loro lavoro di ricerca osservando in che modo i più grandi terapeuti come Milton Erikson e Virginia Satir affrontavano i loro pazienti.
Fondamentalmente, volevano capire come fosse possibile che questi geni della terapia riuscissero a risolvere la maggior parte dei loro casi in tempi così brevi da sembrare quasi una magia.

Durante questo periodo di osservazione, ciò che i due ricercatori scoprirono fu che i migliori terapeuti non affrontavano mai un comportamento come qualcosa di negativo in tutto e per tutto.
Per loro
, qualsiasi comportamento aveva un intenzione positiva: era un modo in cui la persona cercava di prendersi cura di sé. Sfortunatamente, però, quel prendersi cura non era molto funzionale. Per questo ciò che facevano era accettare il buono dietro il comportamento, cercando di trasformarlo in qualcosa più in linea ed efficace rispetto all’intento.


Oggi ti vogliamo proporre una versione semplificata di quella strategia, che puoi adoperare già da adesso, applicandola ad ogni comportamento che non ti piace e che vorresti cambiare.
Questo è un modo per
darti la possibilità di decidere tu che tipo di comportamento avere, come sentire, senza farti condizionare dal passato.

Ricorda una cosa: il passato non ci condiziona, siamo noi che decidiamo ogni giorno se lasciarci condizionare o meno. Nel potenziale di ogni essere umano c’è la possibilità di scegliere di vivere oggi come se tutto ciò che è accaduto sino a ieri sia inesistente. E’ una delle tante funzione della nostra mente e della nostra immaginazione.
A te la scelta se restare nel passato o depotenziarlo.
Noi ciò che possiamo fare, al massimo, è fornirti uno strumento per la tua libertà emotiva.

1) Definisci il problema

Definisci in modo chiaro il comportamento o l’atteggiamento che non ti piace. Focalizzati sul momento in cui di solito si manifesta: in che condizione? In quali ambienti? Vicino a quali persone? Chiarisciti quanto è improduttivo, che tipologia di problemi ti crea.

2) Trova l’intento positivo
Domandati: “Qual è il vero motivo per cui accade questo?“, “Qual è l’intento positivo?“, “In che modo questo comportamento o atteggiamento cerca di aiutarmi? Riconosci quell’intento come buono, congratulandoti per il semplice fatto che ti stai occupando di te.

3) Cerca un comportamento alternativo
Preso atto dell’intento positivo e del modo improduttivo in cui viene portato avanti, identifica almeno cinque altri comportamenti produttivi con cui puoi sostituirlo.

4) Programma la mente
Per tre settimane,dedica cinque minuti al giorno ad immaginarti mentre esegui i nuovi comportamenti.
Mettiti in un posto comodo, chiudi gli occhi e immagina di essere nella condizione che ti fa scattare il comportamento indesiderato, ma invece di avere quel comportamento negativo, esegui uno dei comportamenti stabiliti.

Immaginati prima come se ti vedessi dall’esterno, poi entra nell’immagine e vivila in prima persona. Fai questo per ognuno dei comportamenti alternativi che hai scelto, focalizzandoti su come ti sentirai nel momento in cui agirai proprio in quel modo.

E’ una tecnica molto semplice ed efficace. Tutto ciò che devi fare per ottenere il risultato che desideri è metterla in pratica.

In che modo?

Sono due le cose da fare:

Su di me PNL Corsi

PNL Corsi
Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *