Comunicazione Cinestetica PNL: Scopri il Canale Cinestesico! - PNL Corsi a Napoli
Home / Articoli PNL / Comunicazione Cinestetica PNL: Scopri il Canale Cinestesico!
Come migliorare la comunicazione cinestetica?
Come migliorare la comunicazione cinestetica?

Comunicazione Cinestetica PNL: Scopri il Canale Cinestesico!

Comunicazione cinestetica: che cos’è e come si può sviluppare?

Se conosci un po’ di PNL, forse hai già sentito parlare dei canali rappresentazionali visivo uditivo cinestesico (o cinestetico/cenestesico).

Quando raccogliamo o comunichiamo informazioni usiamo tutti e 3 i canali, con una preferenza per uno in particolare.

Riconoscere il tuo canale preferenziale ed allenare gli altri meno usati, ti consente di rendere efficace e carismatica la tua comunicazione

 

In questo articolo, in particolare, puoi scoprire come riconoscere il canale cinestetico ed allenarti con esercizi di comunicazione cinestetica.

Comunicazione cinestetica: facciamo chiarezza da subito!

Premessa: la comunicazione cinestetica è più semplice di quanto potresti pensare!

È qualcosa che già fai spontaneamente, ma forse non l’hai chiamata così finora.

Per fare chiarezza da subito, ecco a te un semplice esercizio.

Pensa all’ultima vacanza che hai fatto… che cosa ti viene in mente?

Se ti viene in mente la sensazione della tua pelle scaldata dal sole o il sapore di qualcosa che hai mangiato, potresti avere una preferenza sul canale cinestesico.

Se ti viene in mente la bella chiacchierata che hai fatto con una persona o il suono del vento, la preferenza potrebbe essere sul canale auditivo.

Se ti viene in mente un bel paesaggio o l’immagine del sole al tramonto, potresti infine preferire il canale visivo.

Ripetendo questo semplice esercizio, puoi iniziare a capire se il canale cinestesico è quello che usi di più.

E poi puoi fare una cosa molto importante: applicare questa informazione nella tua comunicazione.

Pensa: se stai spiegando o vendendo qualcosa, quanto può essere utile sintonizzarsi sul canale preferenziale del tuo interlocutore?

Scoprirai come fare nell’articolo: ora puoi proseguire la lettura.

Cinestetica significato: che cos’è nel modello della PNL

Hai già assaggiato un po’ di comunicazione cinestetica. Adesso ripartiamo dal significato di “cinestetica” per aggiungere poi anche “comunicazione”.

Secondo il modello della PNL il “cinestetico” è – tra la varie cose – uno dei canali di input attraverso il quale creiamo la nostra “mappa” della realtà.

Il nostro cervello elabora informazioni dai 5 sensi su 3 canali: visivo (vista), auditivo (udito) e cinestesico (gusto, olfatto, tatto).

Il canale cinestesico elabora – oltre alle informazioni da gusto, olfatto e tatto – anche le sensazioni, le emozioni ed il movimento.

Cinestesia” infatti viene dal greco kinêin che significa “muovere” e áisthēsis che significa “sensazione”: sensazione provocata dal movimento.

Passiamo quindi a comprendere l’apprendimento cinestesico più da vicino.

Apprendimento cinestetico e memoria cinestetica tra i canali comunicazione

Dopo il significato di “cinestetica”, passiamo a comprendere come avviene l’apprendimento cinestetico, così da raccogliere più informazioni ed arrivare alla comunicazione cinestetica. 

 

Come riconoscere se una persona ha il canale cinestesico come canale preferenziale? 

 

Generalmente, si può riconoscere la preferenza del canale cinestesico quando una persona:

  • ha una propensione per il tatto ed il contatto fisico
  • tende ad avere una respirazione diaframmatica
  • si muove spesso e non gradisce molto stare ferma in una posizione
  • usa parole legate alle emozioni, alle azioni ed al movimento

Questi segnali ci risultano particolarmente utili sia quando spieghiamo che quando vendiamo qualcosa.

Chi ha il cinestesico come canale di preferenza, impara molto meglio quando “mette in pratica” e associa un’azione all’apprendimento: ad esempio, scrivere o camminare.

Nel caso di una vendita, quando riconosciamo che il nostro interlocutore ha una preferenza sul canale cinestetico, è molto meglio far toccare con mano il nostro prodotto o servizio (ad esempio, facendo indossare un abito piuttosto che mostrarlo o descriverlo) e dare elementi immediatamente concreti, anche se vendiamo qualcosa di “astratto”.

Altri aspetti da considerare riguardano memoria cinestetica e intelligenza corporeo-cinestetica (la cosiddetta QK secondo le intelligenze multiple di Howard Gardner): secondo Garnder, chi sviluppa questo tipo di intelligenza raggiunge risultati importanti nello sport, nei giochi di ruolo, nelle attività manuali ed in tutte quelle azioni che richiedono una particolare “memoria di movimento”.

Passiamo infine a focalizzarci sulla comunicazione cinestetica.

Comunicazione cinestetica: come “toccare” i “cinestetici” con la comunicazione verbale e non verbale

Giusto un breve riassunto: siamo partiti pensando all’ultima vacanza vissuta e abbiamo individuato il canale preferenziale.

Poi siamo passati per il significato di “cinestetica”, abbiamo capito i segnali di preferenza del canale cinestesico e di come si applica quando spieghiamo o vendiamo qualcosa.

Adesso possiamo fare esercizi specifici di comunicazione cinestetica.

Un primo esercizio per allenare la tua comunicazione cinestetica sul piano verbale, consiste proprio nell’usare espressioni, parole, verbi e frasi che indicano il canale cinestesico (che in PNL viene indicato come K di Kinestethic).

Ad esempio: Il tuo intervento mi ha molto toccato, Quanto potrebbe essere emozionante questa cosa?, Sei stato energicamente concreto.

Un secondo esercizio riguarda il respiro: esercitati ad osservare il ritmo del respiro del tuo interlocutore e nota come cambia nel corso della comunicazione.

Il respiro è uno degli “indicatori cinestesici” più importanti per entrare in sintonia con le persone.

Un terzo esercizio è focalizzato solo sul contatto fisico: esercitati a notare come cambia il tuo stato e quello del tuo interlocutore quando entrate in contatto fisico.

Può sembrare un esercizio semplice, ma è uno di quegli esercizi che può darti informazioni davvero sorprendenti.

Comunicazione cinestetica e comunicazione carismatica al Corso PNL Practitioner

Hai visto come… leggendo questo articolo… puoi portare la tua comunicazione ad un livello superiore?

Con questi 3 esercizi e le informazioni che hai letto, puoi migliorare da subito la tua comunicazione cinestetica fino a sviluppare una comunicazione carismatica (che usa tutti i canali rappresentazionali in modo abile).

Insieme alla comunicazione efficace e carismatica, la comunicazione cinestetica è proprio uno dei moduli del Corso PNL Practitioner, il primo livello di Certificazione internazionale in PNL della Society of NLP di Richard Bandler.

Se vuoi migliorare la tua comunicazione cinestetica in tempi rapidi e con risultati superiori, in un Corso col rapporto staff-partecipanti tra i più elevati in Europa e con la supervisione continua in ogni fase di apprendimento, clicca per scoprire di più sul PNL Practitioner

Su di me Roberto Castaldo

Roberto Castaldo
Esperto #1 in Italia sul Performance Management Giornalista pubblicista iscritto all’Albo nazionale dei Giornalisti presso l’Ordine Regionale della Campania Coach Professionista riconosciuto ex Legge 4/2013 Sono un Performance Management Specialist, ex atleta ed allenatore di Basket, appassionato di cartoni animati e cultura pop anni ‘80.