Home / Articoli PNL / 7 regole per raggiungere (davvero) i tuoi obiettivi

7 regole per raggiungere (davvero) i tuoi obiettivi

Con il termine “obiettivo” si definisce il fine, la meta, il risultato che si vuole ottenere compiendo una determinata azione; detto così sarebbe facile immaginare che basta porsi un traguardo nella vita e fare qualcosa per riuscire a realizzarlo.

E invece, sappiamo benissimo che un obiettivo non basta da solo per raggiungere un determinato scopo. Eppure c’è chi ce la fa, chi si pone l’obiettivo di migliorare nel campo personale, in quello sociale, nel lavoro, nello sport, chi ce la mette tutta e alla fine riesce a ottenere un certo risultato mai raggiunto prima.

Ma cosa determina realmente la differenza tra un obiettivo raggiunto e un obbiettivo che non viene raggiunto?

Il segreto sta nel modo con il quale ognuno di noi va a definire il proprio obiettivo.

Quindi esiste una “formula magica” per riuscire ad ottenere più risultati e meno delusioni nella propria vita? 

Sì, e si chiama obiettivo ben formato.

Tanto nella Programmazione Neuro Linguistica, quanto nel Coaching si definisce obiettivo ben formato quello formulato correttamente secondo determinati criteri che, se rispettati, fanno aumentare la probabilità di raggiungimento dell’obiettivo stesso.

Ma in che modo si struttura un obiettivo ben formato?

Ecco i 7 passi da seguire:

  1. Il punto di partenza è, ovviamente, la definizione dell’obiettivo stesso, decidere cosa si vuole ottenere. L’obiettivo che ci si è prefissati deve essere formulato in maniera specifica e attraverso un linguaggio positivo, in modo che l’obbiettivo stesso possa prefigurarsi più facilmente come qualcosa di tangibile e realmente raggiungibile all’interno della nostra mente. In più, l’obiettivo deve essere motivante, perché è la motivazione il vero motore di ogni azione da parte degli esseri umani.
  1. Stabilisci le condizioni che ti permetteranno di raggiungere l’obiettivo; puoi chiederti quando, dove e con chi sarai nel momento in cui avrai raggiunto il tuo obiettivo. Un obiettivo che non presenta una “scadenza” è destinato a finire male, a perdersi per la strada e a restare nel cassetto. Darsi una data entro la quale ci si propone di realizzare un obiettivo, oltre a specificarlo, consente anche una precisa verifica dello stesso.
  1. Definisci le tue idee, quelli che sono i tuoi valori, ciò in cui credi, ciò che ti definisce come persona, in modo tale che l’obiettivo che ti sei prefissato non sia mai in conflitto con la tua stessa identità. Valuta in maniera costante se il tuo obiettivo si scontra con qualcuna delle tue convinzioni e facci i conti fin da subito, in modo da rendere tutto il processo più funzionale.
  1. Prevedi gli effetti.Il terzo principio delle termodinamica dice che “ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”, questo non vale solo per la fisica ma per ogni cosa che noi facciamo, dunque anche nella definizione di un obiettivo. Per questo motivo, fa in modo di prevedere, per quanto possibile, gli effetti che si possono avere sia nella tua vita personale e lavorativa che in quella degli altri, valutando con attenzione i pro e i contro di tale situazione. A tale riguardo voglio rimandarti ad un articolo più specifico nel quale ti spiego dettagliatamente come verificare l’ecologia del cambiamento che ti sei proposto: lo trovi cliccando qui.
  1. Identifica gli ostacoli che possono frapporsi tra te e l’obiettivo che vuoi raggiungere. Se sai che qualche fattore esterno può intralciare la tua strada verso il successo, rimuovilo il prima possibile. Un obiettivo che sia ben formato deve dipendere esclusivamente da te, deve essere controllabile o quantomeno fortemente influenzabile da quella che è la tua motivazione, l’unica e la sola forza che deve spingerti verso il traguardo.
  1. Credi in te stesso, nelle tue capacità e competenze, nei tuoi talenti, nelle risorse che hai a disposizione. Fai un check delle tue abilità personali, di quelle su cui puoi fare sicuro affidamento e quelle su cui, invece, avresti bisogno di investire per poter migliorare. Se non sei tu il primo a credere di potercela fare, stai ben sicuro che non ci sarà nessuno a farlo al posto tuo!
  1. Tieni traccia dei tuoi progressi,crea degli step intermedi che possano darti l’idea della strada che hai intrapreso, se è quella giusta o meno; per far ciò puoi elencare alcuni criteri oggettivi di valutazione che possono aiutarti a definire con certezza a che punto del viaggio sei arrivato.

La definizione di un obiettivo ben formato è ciò che determina la differenza tra una persona eccellente ed una che ancora non lo è. Questo è forse uno degli elementi fondamentali del coaching, il pilastro su cui si basa il piano operativo che porta al successo.

Quindi hai due possibilità:

  • Continuare a fare come hai sempre fatto (non aspettandoti nulla di diverso dai risultati che hai sempre ottenuto)
  • Imparare a trasformare i tuoi desideri in obiettivi auto-realizzanti.

Nel secondo caso, clicca qui e scopri come trasformare i tuoi obiettivi in risultati.

Su di me Roberto Castaldo

Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *