Home / Articoli PNL / 7 abitudini per trasformarsi in un vero leader

7 abitudini per trasformarsi in un vero leader

Essere o non essere… un leader? Questo è il dilemma.

Forse questo si sarebbe domandato oggi Amleto, vittima di uno dei dubbi più forti del nostro tempo: la leadership.

Hai mai notato a quanto si parla ultimamente di leadership? Qualcuno dice che non ci sono abbastanza leader, qualcuno invece che ce ne sono troppi (questi si dividono in chi li trova incapaci e chi capaci ma con qualche eccezione), infine qualcun altro è dell’idea che chiunque dovrebbe essere leader all’interno di un proprio contesto specifico.

Io non posso sapere come la pensi, ma vorrei offrirti in ogni caso il mio punto di vista: essere leader è una scelta.

Certo, alla base della leadership ci sono capacità, talenti e abilità, ma puoi scegliere se sviluppare, quando esercitarli e in che modo.

Certo, qualcuno parte avvantaggiato, ma questo non toglie che se vuoi raggiungere lo stesso risultato l’unica cosa che dovrai fare sarà faticare un po’ di più. Ovviamente se questa fatica è troppa per te, puoi sempre rinunciare, in fondo vuol dire che di essere leader non te ne importa davvero tanto. Per ogni cosa c’è un prezzo da pagare e se non lo si vuole pagare il più delle volte è perché ciò che si vuole non lo si desidera abbastanza.

Ma, quando lo si desidera davvero, la PNL ci viene in soccorso.

La Programmazione Neuro Linguistica, infatti, potrebbe essere definita la scienza del modellamento. Con modellamento si intende un metodo di ‘estrazione e replica’ che ci consente di studiare una persona particolarmente abile nel fare qualcosa, estraendone quei comportamenti che lo conducono all’eccellenza, e rendendo quei comportamenti replicabili per chiunque voglia impegnarsi nell’ottenere gli stessi risultati.

Ma perché ti dico questo?

Perché alcuni studiosi di PNL hanno modellato molti leader, notando che tutti hanno alcune abitudini in comune.

 

Abitudine da leader N°1: Considerazione individualizzata

Un buon leader è attento ai singoli, ai bisogni di crescita e di successo di ognuno dei suoi collaboratori. Da questo punto di vista, se vuoi sviluppare la tua leadership è fondamentale che tu dedichi abbastanza tempo con le persone che ti circondano. Ovviamente non devi solo trascorrere del tempo, devi anche essere davvero interessato alla persona con cui stai avendo a che fare. In questo senso promuove opportunità d’apprendimento diverse e misura i comportamenti secondo le differenze dei follower stessi. Un buon leader incoraggia sempre la comunicazione a due vie, si muove di continuo nei luoghi di lavoro per assicurare la propria esperienza, delega anche per far crescere i propri collaboratori.

 

Abitudine da leader N°2: Tutti sono importanti

I leader di oggi credono fermamente che tutte le persone presenti all’interno di un’azienda, indipendentemente dal compito attribuito, debbano essere oggetto e soggetto del loro tempo e attenzione. Tutti sono preziosi per il fine comune che si vuole perseguire. E tutti devono ricevere quelle attenzioni che ricordano loro di essere davvero importanti per il bene comune.

 

Abitudine da leader N°3: Si impegnano a spronare gli altri

Una delle attenzioni che usano i leader consiste nel non usare la propria posizione come fonte di prestigio e autorità. Anzi, il più delle volte usano il proprio “potere” per instillare nei suoi seguaci la fiducia di poter fare cose superando i loro limiti. Spronano, motivano, spingono ad andare oltre, per aiutare gli altri ad attingere al meglio di sé.

 

Abitudine da leader N°4: È positivo

I veri leader sono positivi verso il futuro: quando parlano con i propri collaboratori, tendono a motivarli, coinvolgendoli nell’immaginare le prossime situazioni attraente. In questo modo riesce anche a comunicare ciò che si aspetta dai propri collaboratori. Il tutto aiuta a potenziale le dinamiche di team bulding.

 

Abitudine da leader N°5: Obiettività

I veri leader assaporano il successo conseguito senza lasciare che questi gli dia alla testa. Al contrario, invece, non esitano a riconoscere il fallimento senza restarvi impantanati. Sono molto attenti ad avere i  piedi ben saldi a terra in entrambe le situazioni, sanno che si va comunque avanti, imparando dalle esperienze passate.

 

Abitudine da leader N°6: Cercano sempre nuovi stimoli intellettuali

Il leader stimola le nuove idee: spinge i suoi follower ad essere creativi e innovativi, affronta le vecchie situazioni in modi nuovi. Non esprime critiche pubbliche verso chi, nel gruppo, ha fatto qualche errore.

Abitudine da leader N°7: Si concentrano più sui fatti che sulle parole

I leader ispirano fiducia e ammirazione soprattutto attraverso le loro azioni: i risultati non si raggiungono solo tramite le loro parole e il proprio carisma. Spesso, per riconoscere l’efficacia di un leader, si guarda alla prestazione conseguita dal gruppo di lavoro, alle valutazioni fatte dai membri del team, da altri leader, dai superiori, tramite il giudizio di specialisti o consulenti esterni, mediante autovalutazione o con uno studio accurato della sua carriera.

 

Anche se ancora non ti senti un vero leader, un buon modo per sviluppare la tua leader è proprio iniziare a concentrarti su queste abitudini, impegnandoti – giorno dopo giorno – ad eseguirle.

Come accennato sopra, la leadership solo in piccola parte è frutto di doti naturali, perlopiù è impegno, allenamento e dedizione.

Tu hai la voglia di migliorarti? Di crescere ogni giorno di più sino a diventare il leader che desideri essere?

Allora hai due possibilità:

– Pratica per un mese le abitudini di sopra,

– Mettere il turbo, cliccando qui e iniziando il tuo percorso verso l’eccellenza.

Su di me Roberto Castaldo

Mi presento sono Roberto Castaldo Imprenditore, Business, Corporate e Sport Coach. Sono un consulente aziendale e formatore professionista specializzato nella gestione delle risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *